Guida completa allo shopping ai tempi dell’austerity

0
66

blonde_lady_shopping_48182024[dropshadowbox align=”left” effect=”perspective-left” width=”270px” height=”” background_color=”#ffffff” border_width=”2″ border_color=”#dddddd” ]Un prontuario per risparmiare senza privarci di qualcosa che ci gratifica e ci fa sentire più belle.[/dropshadowbox]

Per quanto gli uomini denigrino questo passatempo tanto amato da noi donne, diciamoci la verità, lo shopping è qualcosa di fondamentale nella vita di tutte noi. Non tanto perché è una conquista materiale di qualcosa che ci piace, di oggetti che ci caratterizzano o di capi unici, quanto per la sua natura di acquisto in sé: se non facessimo shopping effettivamente cosa potremmo mai indossare? Lo shopping, prima di essere un’attività unica e appagante è innanzitutto una necessità in quanto ci serve per coprirci. Che poi con l’evoluzione della società moderna sia diventato una pratica che caratterizza l’universo femminile (anche se sempre più uomini apprezzano girare per vetrine alla ricerca di qualcosa di unico) e ci aiuti ad esprimere noi stesse coniugando l’economia domestica e il buon gusto di ognuna di noi, è un interessante effetto desiderato che stimola la mente e aiuta a contribuire alla bellezza del corpo.

Con la recessione in corso però non è sempre facile dedicarsi a pomeriggi di shopping selvaggio. Sempre più centri commerciali chiudono di anno in anno, segno inequivocabile di un’inflessione negativa degli acquisti di single e famiglie di tutta Italia. Molte di noi smettono di andare a far compere non tanto per mancanza di ispirazione, quanto per l’effettiva mancanza di finanze adeguate.

Occorre quindi esaminare accuratamente la realtà economica che ci si apre davanti e adattare le nostre risorse economiche per poter continuare a fare shopping come ci piace.

Ecco una serie di accorgimenti per non smettere di fare shopping, senza per questo sperperare denaro a destra e a manca. Un piccolo prontuario per risparmiare senza privarci di qualcosa che ci gratifica e ci fa sentire più belle.

dv1920005

Avere le idee chiare: spesso gli acquisti di cui più ci pentiamo sono le classiche “spese folli”: un giubbotto di pelle di cui ci siamo innamorate a prima vista, un nuovo cellulare con un design irresistibile o un paio di orecchini d’argento assolutamente unici. Questo genere di acquisti spesso sono piuttosto onerosi, oltre ad avere una drammatica caratteristica: assolutamente non in preventivo. Gli acquisti d’impulso in tempo di crisi sono da evitare assolutamente, proprio perché spesso fare una spesa folle equivale a privarsi di ciò per cui avevamo iniziato lo shopping stesso. Avere le idee chiare, sapere esattamente cosa ci serve e cosa invece è superfluo, ci aiuterà a resistere alla tentazione di spendere d’impulso.

 shopping

Girl riding a motorcycle carrying shopping bagsGiri di ricognizione: il cosiddetto “shopping senza portafogli” è una pratica molto sottovalutata da quasi tutte noi. Girare per centri commerciali solo per osservare la situazione, senza acquistare nulla, ci sembra una privazione frustrante oltre che una perdita di tempo. In realtà girare il più possibile senza acquistare nulla, semplicemente facendo perlustrazioni negozio per negozio per capire il prezzo medio di ciò che ci interessa, è un furbo stratagemma per risparmiare qualche soldo: conoscendo bene il mercato di un determinato articolo, inevitabilmente saremo in grado poi di effettuare un acquisto che sia un vero affare.

Bando alle incertezze: troviamo un paio di jeans meravigliosi, con qualche applicazione sulle tasche proprio come volevamo, la taglia è perfetta ma fanno un po’ difetto sul posteriore: la classica situazione in periodo di saldi. Troppo spesso ci diciamo “Ma si, è solo un difettuccio” e acquistiamo inevitabilmente qualcosa che in realtà non ci convince. E’ fondamentale invece che ciò che stiamo per comprare incontri in tutto e per tutto la nostra approvazione, non solo per una questione economica, ma soprattutto perché una volta indossato a casa il capo nuovo di zecca, probabilmente ci fisseremo su quel difettuccio e non faremo che rimpiangere l’acquisto.

Attenzione agli outlet 

saldi-Sales-shoppingGli outlet, grazie alla crisi economica, stanno vivendo un momento di grandissima popolarità. La presenza di un numero impressionante di griffe e firme prestigiose con sconti da capogiro, conquista sempre più i cuori delle fashioniste d’Italia. Attenzione però all’ambiente e all’atmosfera degli outlet: molto spesso la merce griffata è esposta con altisonanti targhette sconto, proprio per far risaltare l’affare e stimolare l’acquisto. L’ambiente “da occasione” che si crea negli outlet, condiziona l’acquirente convincendolo di esser di fronte ad affari imperdibili. Basterà frenare l’entusiasmo e guardarsi un po’ intorno per fiutare i veri affari ed evitare le fregature.

???????????????????Se e’ troppo di moda…passerà presto di moda!  Spesso, condizionate dai media e dalle tendenze, cediamo all’acquisto dei cosiddetti “capi del momento”, ma che irrimediabilmente vengono dismessi dopo una stagione. I capi troppo in voga hanno la drammatica caratteristica di essere dimenticati nell’armadio dopo qualche mese. In pratica paghiamo un capo quando in realtà è come se lo noleggiassimo solo per qualche tempo. Un esempio per tutti: la moda dei capi fluo, popolarissimi  negli ultimi tempi, probabilmente andrà nel dimenticatoio in men che non si dica.  Cosa che invece non capiterà mai con un tubino semplice dai colori sobri o con un decolletè senza borchie, zeppe vertiginose o punte troppo pronunciate.

La vera eleganza, il puro senso dello stile sta nell’accoppiare capi ed accessori classici per costruire qualcosa di unico e raffinato. Ricercare con cura qualcosa che ci caratterizzi al di là della moda, oltre che vestirci bene ci renderà sempre attuali.

1920_1200_20100310090102397569Pensa prima di pagare: se crediamo di aver trovato l’abito perfetto o gli stivali che sognavamo da una vita e non vediamo l’ora di portarli a casa, cerchiamo di aspettare ancora una notte. Anche se ha tanto il sapore di una pratica masochista, il ragionare scrupolosamente e aspettare qualche tempo prima di comprare qualcosa, ci aiuta a metterci nella giusta prospettiva. Attendere una notte prima di compiere una spesa, ci aiuterà a comprendere se il capo che stiamo per comprare ci interessa veramente. Non vi è mai capitato di impazzire per un abito e rivederlo il giorno dopo senza suscitarvi alcun effetto? 

E ora qualche dritta

per allungare la vita

del nostro guardaroba

shopping-online_650x447

Il primo trucco per risparmiare sullo shopping è cercare di ricorrervi il meno possibile, questo non significa andare in giro vestite di stracci, quanto prenderci cura del nostro guardaroba.

Attenzione innanzitutto quando mangiamo: una macchia di salsa di pomodoro su una camicetta rosa può fare più danni della peggiore delle suocere. Si, si può lavare, ma le alte temperature a lungo andare rovinano i tessuti e ne accorciano l’esistenza.

Cerchiamo di preservare più a lungo possibile la salute dei nostri tessuti: attenzione a cinghie e cinture che stringono o possono strappare le stoffe più delicate.  D’inverno spesso indossiamo un capo anche solo per qualche ora in occasione di un’uscita serale; in questo caso evitiamo di gettare qualcosa di appena indossato nella cesta dei panni sporchi: lasciamo invece i capi qualche ora all’aria e riponiamoli nell’armadio il mattino dopo. Il ricambio d’aria aiuta l’ossigenazione della stoffa e rinforza il tessuto, oltretutto i lavaggi troppo frequenti decretano lo sfaldarsi della maglia delle stoffe e la prematura dipartita dei nostri abiti preferiti che, come a tutti noto, non hanno più la qualità di una volta.