Come organizzare il matrimonio senza esaurimento nervoso

0
84

stress-matrimonioE’ fatta, siamo in riva al mare col nostro fidanzato storico, serata romantica e lui innamoratissimo si inginocchia davanti a noi e con l’anello in mano ci fa la fatidica tanto attesa domanda seguita da un bel “si” sussurrato e commoso. Il giorno del matrimonio è dunque fissato e ci avviciniamo con ansia alla data tanto sognata.

Per quasi tutte noi il giorno del matrimonio è uno dei giorni più importanti e impegnativi di una vita, e organizzarlo è per la sposa uno dei compiti più difficili che possano capitare (dopo il trasloco ;)): scegliere data, chiesa, ristorante, invitati, colore dei fiori, della biancheria da tavola, il menù, bomboniere, torta nuziale e chi più ne ha più ne metta.

ansia-da-matrimonioL’organizzazione di un matrimonio è un compito davvero impegnativo e quanto mai stressante, tutte a un certo punto ci ritroviamo nel bel mezzo della notte, a casa della mamma sul divano a sfogliare quelle riviste per la sposa grandi come un’enciclopedia, in preda al panico e all’indecisione. E finisce inevitabilmente che si arrivi a due giorni dalla data con molti chili in meno (felice controindicazione), il vestito che va largo e qualcosa che va male.

Ecco un piccolo prontuario per non perdere la bussola e lasciarsi travolgere dagli eventi per quello che in realtà dovrebbe essere: un giorno perfetto per celebrare l’amore e l’unione col nostro lui. Una guida per quelle di noi che non vogliono delegare ad un wedding planner (peraltro mai economico) l’organizzazione del matrimonio da sogno.

stress-matrimonio-bea_fulllugu_1-470x517Prendere decisioni in ordine di importanza: spesso partiamo con il decidere la data e la location del nostro matrimonio e releghiamo la lista invitati ad un momento in cui potremo parlare a tu per tu con la famiglia e il fidanzato. Sbagliatissimo: scegliere una spiaggetta appartata in provincia o una chiesetta con poche panchine in cima ad una collina per poi ritrovarci con più di 200 invitati è un incubo da evitare assolutamente. Riuniamoci con la famiglia e gli amici più cari e stiliamo una lista dettagliata e il più definitiva possibile degli invitati, magari con un asterisco sul nome di colore che già sappiamo potrebbero essere in “forse”, ci aiuterà ad avere ben chiare le necessità riguardo a location e sala ricevimento dove servire il rinfresco.

matrimonioImpariamo a delegare: una sposa che organizza il proprio matrimonio si trasforma presto in una sorta di wonder-woman che tutto ricorda e di tutto ha cura, ma è difficile mantenere l’attenzione al massimo per mesi e mesi, e così ci ritroveremmo presto in preda al panico. Impariamo a delegare a madri, sorelle e amiche fidate i compiti altrimenti affollano troppo la nostra agenda: organizzare un matrimonio è come portare avanti un’azienda, dividere i compiti e formare una squadra di persone fidate è una scelta produttiva e che porta grandi risultati.

Troppa tecnologia fa danni: cercare consigli di spose novelle sulla scelta del vestito, della torta o dei segnaposto su qualche forum a tema, può essere un’ottima idea: confrontarsi con altre donne che ci sono già passate e sfruttare la loro esperienza a nostro vantaggio, può facilitarci il compito, ma attenzione a non cadere in un vorticoso overload di informazioni: troppi confronti tra spose portano a indecisione, ripensamenti e a pericolose marce indietro nell’organizzazione del nostro giorno perfetto. Quindi tecnologia si, ma con moderazione!

Riflettere sempre prima di decidere: a volte, prese dalla grande mole di decisioni che dobbiamo prendere prima della data, possiamo cedere a frettolose scelte di stile. Attenzione! scegliere d’istinto è una cosa bellissima, ma non al proprio matrimonio.

Con il passare del tempo inizieremo ad avere ripensamenti e pericolosi cambi di idea che a volte possono anche arrivare all’ultimo minuto: meglio non fermarci al primo vestito/bomboniera o torta nuziale, del resto siamo donne, sappiamo fare shopping e scegliere in maniera appropriata!

comic-style-wedding-elements--01_15-13040Pensiamo agli ospiti: certo è il nostro matrimonio, la sposa è la stella della giornata e l’attenzione sarà concentrata tutta su di noi, bellissime e raggianti. Ma ciò non significa dover costringere gli ospiti a lunghe file per il buffet, attese sotto il sole per una fotografia o altro. Ricordiamo sempre che, in quanto invitati al nostro matrimonio, sono persone alle quali vogliamo bene e che la loro presenza (chi più, chi meno) deve renderci felici. Preoccupiamoci che la cerimonia e il ricevimento siano una bella esperienza per i nostri invitati, che così ricorderanno con gioia e commozione il nostro matrimonio!

 

La perfezione non esiste: la legge di Murphy dice “se qualcosa può andar male, lo farà di certo”, ciò vale anche, purtroppo, per il nostro matrimonio. Non bisogna partire di certo scoraggiate, ma anche la più impeccabile delle organizzazioni può avere momenti di empasse, i più comuni sono una giornata piovosa o un’incomprensione con la tipografia per i bigliettini nelle bomboniere. Cerchiamo di sorridere anche alle avversità, cerchiamo di tenere a mente che si tratta di piccoli dettagli e che è la visione d’insieme che ruberà il fiato!

 

WedTool-come-organizzare-un-matrimonioMa allo sposo chi ci pensa? Stiamo organizzando un matrimonio, per cui a partire da quella data saremo la moglie dell’uomo che amiamo. E’ bene non dimenticarsi di colui che ci porta all’altare: molti fidanzati si sentono di peso intorno alle promesse spose nei mesi prima del matrimonio. Cerchiamo di coinvolgere un po’ il nostro lui in qualche scelta e se la cosa lo annoia sorridiamogli e non facciamogli mai mancare l’affetto per il quale ci ama tanto: è pur sempre l’uomo che sta per sposarci, si merita tutto l’amore del mondo, diamogliene un piccolo assaggio durante i preparativi, non potrà che esserne felice.

 

Festeggiamo! Il matrimonio è prima di tutto la celebrazione dell’amore, il festeggiamento dell’unione di una coppia innamorata. Spesso trascinate da eventi e dallo stress dei preparativi dimentichiamo questo particolare fondamentale. Una volta al ristorante, fatte le foto e scambiati gli anelli, rilassiamoci. Sediamoci a tavola con nostro marito e assaporiamo con lui il lauto banchetto, abbandoniamoci sulla pista da ballo tra le sue braccia e scateniamoci con lui. Molte coppie lamentano di non riuscire a sedersi a tavola il giorno del matrimonio a causa dell’annoso “passaggio tra i tavoli degli invitati”: cerchiamo di accorciare al minimo questo momento per recuperare tempo a tavola con il marito, per trascinare poi sulla pista da ballo gli invitati dopo mangiato: il gesto spontaneo e divertente sarà apprezzato da tutti e sarà un modo anticonvenzionale ma naturale di passare tempo con i propri cari e divertirsi tutti insieme!

 

gif_animate_saluti_auguri_04E adesso andiamo al sodo. Se vogliamo evitare di stressarci e arrivare all’altare con le borse sotto agli occhi, aguzziamo l’ingegno e concentriamo i nostri sforzi su ciò che è veramente importante e soprattutto impariamo a delegare. Invece di saltellare a destra e a sinistra per organizzare tutto nel minimo dettaglio, scegliamo di affidarci a professionisti e venditori di sogni che fanno più cose insieme. Un esempio pratico: dobbiamo scegliere i confetti e gli iniviti da spedire? Si rivela uno spreco di energie andare dal tipografo e da chi ci vende i confetti, perchè questi ultimi in genere vi offriranno il pacchetto completo dei deliziosi sacchettini da regalare e degli inviti da spedire.

Andate alle fiere degli sposi e fatevi un’idea di quello che vi potrebbe interessare, dopo di che stilate una lista delle vostre priorità e seguitela fedelmente. Eviterete così di sprecare energie, confondervi tra i mille impegni, alcuni dei quali assolutamente inutili e soprattutto vi consentirà di risparmiare qualche soldo.

Tra le priorità sicuramente particolare attenzione va rivolta alla lista degli invitati e alla conseguente scelta dei luoghi dove celebrare il matrimonio, ricordando che più i posti sono belli e ambiti e più difficile sarà trovarli liberi nel giorno da voi prescelto per convolare a nozze, quindi pensateci anche dodici/diciotto mesi prima.

Altra scelta importante e impegnativa è l’abito. Tutto il resto sono fronzoli e contorni che si possono scegliere con calma e senza stress: confetti, fiori, inviti, estetista, parrucchiere, lista nozze e viaggio di nozze, dopo aver esaurito gli impegni più importanti sopra indicati, potranno diventare un divertente passatempo, se presi con lo spirito giusto e con la ferma convinzione che quello che veramente è importante per il nostro matrimonio è la sostanza, l’amore e l’emozione del momento e non impressionare gli ospiti con luculliani banchetti e sfarzosi contorni.

Auguri e figlie femmine!

wedding-cake-topper