Carol Bouquet: da Bond Girl a signora del vino

0
68

carol

Attrice, modella e imprenditrice di successo

Classe 1957, Carol Bouquet ha partecipato a più di 40 film nel corso della sua carriera, ma molti la identificano nella giovanissima e meravigliosa Bond Girl tra le braccia di Roger Moore nel film ” Solo per i tuoi occhi” (1981) o diretta da mostri sacri del cinema come Dino Risi o Martin Scorsese.

Ma il talento e la bellezza di Carol Bouquet non sono gli unici pregi di quest’attrice straordinaria.

Dopo il matrimonio con il produttore francese Jean-Pierre Rassam, dal quale ha avuto un figlio, Dimitri e la relazione con Gérard Depardieu sino al 2005, Carol coltiva la sua grande passione per il Mediterraneo e per la nostra penisola, sbarcando nell’isola di Pantelleria, nel cuore del mare Nostrum, per rimanere conquistata e affascinata dalla morfologia e dall’aria calda e frizzante di una terra dal fascino inconfondibile.

Poco tempo passò prima che la Bouquet trovasse un modo intelligente ed estremamente adatto alla situazione, per coltivare la sua grande passione per il vino, tipica sia del suo popolo che di noi italiani. Con le sue doti di donna d’affari, acquistò prima qualche acro e poi sempre più terreno fino a conquistare diversi ettari dell’isola per la produzione del vino tipico dell’isola: il passito.

Dalla dolcezza del suo viso alla dolcezza del suo vino dunque, con un percorso lento ma ponderato, Carol Bouquet ha mosso i primi passi nel mondo dell’enologia e ha affinato le proprie doti di viti-cultrice e imprenditoriali.

carol1Affermarsi nel panorama vinicolo non è cosa semplice, ma come ha imposto il suo talento di attrice dietro le telecamere dei più grandi registi, Carol Bouquet ha iniziato con poco: un piccolo terreno con qualche vigna e i primi esperimenti di vendemmia. Noncurante delle difficoltà che una donna spesso incontra, specialmente in settori imprenditoriali tipicamente maschili (pensiamo ad Albano e al suo vino), l’attrice ha capito che nulla è impossibile se ad animare le nostre azioni sono passione e dedizione.

Seguendo sempre la propria carriera di attrice richiestissima, si circonda di professionisti fidati e soprattutto attenti alla genuinità del suo prodotto: enologi appassionati di vino naturale, contadini attenti e scrupolosi: questi sono i collaboratori grazie ai quali Carol Bouquet è riuscita con determinazione a farsi strada nel panorama vinicolo internazionale, fino a conquistare nel  2008 il Premio Venorelli.

La passione dell’attrice per la nostra Penisola non si ferma al panorama enologico: grande fan della cucina italiana, si diletta spesso cucinando fantasiosi manicaretti per la sua famiglia: il suo piatto forte è l’italianissima pizza margherita fatta in casa.

carole-bouquet4-622x466Oltre al vino e alla buona tavola, Carole Bouquet ha recuperato a Pantelleria un nucleo di antichi dammusi, architettura tipica dell’isola, nella campagna della contrada Serraglio ed ha avviato un’azienda agricola dove produce, oltre al rinomato e pluripremiato vino passito “Sangue d’oro”, anche capperi, olio e origano, che ama regalare agli amici più cari, al suo ritorno a Parigi.

Per Carole, la selvaggia Pantelleria è un piccolo mondo in cui, più che un’atmosfera di mare, si respira un’aria bucolica, legata alla terra, ai vigneti e al meraviglioso giardino di essenze mediterranee. Il dammuso padronale sfoggia uno stile fresco ed informale ma comunque rigoroso, con interni eleganti, ricchi di dettagli raccolti da Carole durante i suoi viaggi.

xfs_600x450_s80_carole-bouquet3-622x466Per una stella del cinema di questo calibro, abituata alle passerelle di tutto il mondo e alla “dolce vita” di Hollywood, l’isola di Pantelleria è più che un semplice luogo d’affari: una perla del Mediterraneo dove corre quando può, per sentire l’odore del mare, accarezzare le rocce vulcaniche alle quali è tanto affezionata e sentire il dolce profumo di un vino prodotto con il cuore. Uno scoglio di pace dal quale guardare il mondo e sentirsi a casa.