Remise en forme in 10 mosse

0
436

REHEHY
Vuoi perdere peso senza sottoporti a deprimenti diete restrittive? Allora seguimi e puoi già comprarti il vestitino taglia 42

E’ una delle storie più ripetute al mondo: il circolo vizioso della dieta. Si inizia, arrivano i risultati, ma poi ci si sente depresse e soprattutto frustrate e si ritorna alle vecchie malsane abitudini: troppe regole, troppe rinunce! E’ facile sentirsi oppressi da un regime alimentare troppo restrittivo, specialmente se siamo a dieta da molto tempo. E noi donne o per lo meno l’80% di noi, siamo a dieta in media undici mesi l’anno.

YTYRTU

Ma a tutto c’è rimedio.

Dimagrire qualche chilo senza sottoporsi a sadiche diete e rinunce di ogni sorta, è possibile se sappiamo come fare. Basta, infatti, per la nostra remise en form, seguire qualche accorgimento quotidiano e i chiletti di troppo andranno via gradualmente.

Il segreto è quello di apportare quotidianamente dei piccoli cambiamenti del nostro abituale stile di vita e culinario, che ci consentiranno di dimagrire e di scordare la bilancia una volta per tutte. 

Ecco dieci accorgimenti necessari da seguire: prendete carta e calamaio ed entrate nell’ordine di idee che tutto quello che d’ora in poi faremo, non potrà che giovare alla nostra linea e alla nostra mente.

1 – cucina e smetti di aprire dispense

2 – vivi verde

3 – integrale è meglio

4 – risveglia il metabolismo mangiando

5 – condimenti intelligenti

6 – glu glu a go go

7 – attivati in 10 minuti

8 – venti minuti vien mangiando

9 – il giorno della follia

10 – e infine distrazione

Esaminiamo queste semplici regole nel dettaglio


Cucinare


ryyr

La prima regola per dimagrire è cucinare, perchè a volte, quando per soddisfare il nostro appetito non cuciniamo, ingurgitiamo una quantità smisurata di calorie.

Se abbiamo fame e non abbiamo voglia o il tempo di cucinare, qual’è la prima cosa che facciamo? Le più attente aprono il frigo e prendono una carota, un sedano o un frutto, ma la stragrande maggioranza di noi, soprattutto se la fame è tanta, apre la dispensa (quale frigo!!) e afferra patatine, crackers e biscotti, con la conseguenza che invece di un sola pietanza cucinata da 300 calorie (e ce ne sono tante), ingurgitiamo 800 calorie di snack, senza aver mai l’impressione di avere effettivamente consumato un pasto.

Qualche esempio? Eccovi accontentate.

100 grammi di crackers hanno le stesse calorie (per la precisione 450) di 80 grammi di pasta con 150 grammi di pomodoro e 20 grammi di parmigiano e vi aggiungo anche 10 grammi di olio! Senza dimenticare che mangiare un bel piatto di pasta è sicuramente più appagante e salutare di scartare e piluccare un pacco di crackers.

Prendiamoci quindi il tempo che ci vuole e cuciniamo, anche e soprattutto per noi stesse.  


La mia tavola si colora di verde


RYY

Le verdure si sa, sono protagoniste indiscusse delle diete e ogni stagione ne porta di buonissime. Dedichiamo, quindi, un po’ del nostro tempo per preparare una gustosa grigliata mista o un minestrone o un gratin di carote e zucchine. E se proprio non abbiamo tempo, compriamo l’insalata pronta, ma non facciamoci mai mancare la quotidiana assunzione delle verdure, sia perchè sono ricche di fibre e sia perchè, essendo ipocaloriche, possiamo assumerne quante ne vogliamo fino a saziarci.


Cereali e integrale mon amour


6767657Pasta e pane piacciono a tutte. Perché non optare per i prodotti integrali? L’apporto calorico è pressoché uguale ai prodotti bianchi, ma la farina integrale non contiene l’amido e i glucidi presenti in pane e pasta. In più è fatta con grano non decorticato, il che rende la digestione più facile e l’eliminazione delle scorie più veloce.

La natura ci offre una moltitudine di cereali gustosissimi: riso (solo le qualità di riso bastano a mangiare per una settimana piatti sempre nuovi!) orzo, avena, farro, sono tutti ottimi sia per la colazione che per gustosissime insalate o sartù (magari con verdure). Basta solo dar libero sfogo alla fantasia.


Poco e spesso


Portrait of young happy smiling woman with apple at home

Lavoro, casa, famiglia: il tempo per mangiare è sempre pochissimo! Così spesso capita che saltiamo la colazione e magari pure il pranzo. Risultato? Il nostro metabolismo diventa tartaruga e in più quando torniamo a casa la sera soddisfiamo la nostra fame da lupo ingurgitando tutto quello che ci capita a tiro (anche nostro marito se ci intralcia il cammino verso la tavola!!).

La regola principe per dimagrire è mangiare non digiunare. Spesso si è convinte del contrario… “A pranzo faccio digiuno così la sera esco fuori con gli amici a mangiar la pizza, le patatine fritte e bere birra”.

No, non è così che funziona! A pranzo mangi con moderazione, a colazione pure e la sera ceni in compagnia con una pizza alle verdure o una margherita e l’acqua.

Il segreto per dimagrire, la regola principe e indiscussa per una silhouette invidiabile, è attivare il metabolismo, per far si che quello che mangiamo venga bruciato velocemente.

Vi siete mai accorte che facendo colazione al mattino, verso le 11,00 vi viene fame? Bene, questo è un buon segnale, perchè vuol dire che il vostro metabolismo è sveglio. Se invece il senso di fame non arriva, sicuramente non avete fatto colazione e questo non va bene, perchè il metabolismo si addormenta e voi non dimagrite, anche se state a stecchetto tutto il giorno.

Per aiutare il metabolismo ad attivarsi occorrono cinque pasti al giorno, non uno di più nè uno di meno.

Ricordo quando andai dal dietologo, ormai mille anni fa, una frase scritta in grassetto sulla mia dieta di cinque pasti al giorno, che trovate qui (LA DIETA CHE FUNZIONA: COME SMALTIRE I CHILI DI TROPPO IN MODO SEMPLICE E NATURALE), “NON TOGLIERE E NON AGGIUNGERE NULLA“.

Impariamo, quindi, se siamo fuori casa tutto il giorno, a portare SEMPRE dietro due spuntini: uno da assumere alle 11,00 (un frutto o un succo per esempio) e uno per il pomeriggio (uno yogurt o crackers), oltre chiaramente a pranzare a casa o, se non possiamo per lavoro, concedendoci (per le più golose) un panino senza mollica con due fette di bresaola o di fesa di tacchino o di qualcos’altro che vi piace (basta che non sia salame o mortadella però) e per le più morigerate una caprese o un’insalata mista e un bocconcino. Così facendo l’organismo si abitua a bruciare più spesso e di conseguenza il nostro metabolismo si sveglierà.


Saggi condimenti


tebt

Grandi esclusi (o quasi) dalle diete ipocaloriche sono i condimenti. Veto assoluto per burro e margarina, dei quali si puo’ fare senz’altro a meno, visto che di salutare hanno ben poco. Prediligiamo sempre l’olio extravergine di oliva (magari con spremitura a freddo, che è più forte e ne basterà molto meno per dare sapore) possibilmente sempre a crudo. Se ci suscita un senso di tristezza non condire troppo gli alimenti, possiamo abbondare con le spezie: cardamomo, rosmarino, origano, paprika, salvia, non c’è che da scegliere quella che preferiamo!

Quanto ai condimenti della pasta, l’apoteosi della goduria culinaria me la regalò il mio dietologo dicendomi

70 grammi di pasta con due cucchiai di condimento a tua scelta” 

In questa scelta c’era di tutto: ragù, matriciana, salsa, pesto… quello che volevo… (“santo subito!” pensai tra me e me!) … e quanto dimagrii!!

Al posto del sale (che trattiene l’acqua e favorisce l’odiata ritenzione idrica) possiamo usare la salsa di soia, una goccia basta a salare quanto un cucchiaino di sale fino!


Glu glu anche in verde


EYYUT

Bevi, bevi tanto! Lo so, all’inizio è dura, ma poi il corpo e la mente si abituano e vogliono acqua. E’ tutta questione di abitudine e quindi abituiamoci a bere. Fa bene al nostro corpo, alla pelle, ai capelli, a rallentare l’avvizzimento (vi pare poco?)

Bevete anche il tè verde. E’ stato infatti dimostrato che bere una tazza di tè verde al giorno, accelera il metabolismo grazie alla catechina che contiene. Il tè verde, inoltre, è diuretico, antiossidante, combatte il colesterolo e previene alcune forme di tumore. Insomma una panacea di benessere che non dovremmo mai farci mancare.


Brucio


Girl measuring waist

Dedica 10 minuti al giorno a un po’ di moto, che sia camminare, salire le scale, fare jogging, fare shopping…  😀 . Che sono dieci minuti?!… nulla! e puoi perdere fino a 5 chili in un anno (ti pare poco!).


La regola del “20”


ERHYY

Ossia mangia lentamente. Ogni pasto (ti grazio solo per la colazione per ovvi motivi di tempo) deve essere assunto in un tempo non inferiore ai 20 minuti. In questo modo, oltre ad assaporare il cibo, ci sazieremo di più e prima, perchè daremo il tempo al nostro pancino di comunicare con il cervello, che infatti recepisce il senso di sazietà stimolato dagli ormoni messi in circolo con il cibo dopo circa venti minuti. Se invece mangiamo troppo in fretta ingurgiteremo una quantità maggiore di cibo per sentirci appagate.


Un giorno tutto per me


YYTRUYY

In tutte le diete è previsto un giorno in cui puoi sfogare (con moderazione) le tue voglie culinarie: una pizza, una birretta, un dolcino. Fai pure, l’importante è concentrare questa libertà a un solo pasto.

E’ sabato e vuoi andare a cena con gli amici? Non te lo vieta proprio nessuno, ma fatti furba: a pranzo mangia un minestrone e un frutto (non assumere carboidrati) e a cena scegli una buona pizza con le verdure.

Se poi è previsto anche il dopo cena in discoteca o a un pub e vuoi bere qualcosa, alterna al cocktail un bicchierone d’acqua, così berrai di meno.


Distraiamoci!


946114_381038292014230_1163009163_nUno dei motivi per cui si ricade nel vizio di mangiare male, è il fatto di rimanere a casa senza nulla da fare. Inevitabilmente si finisce a sgranocchiare qualcosa sul divano davanti alla tv.

Impariamo da noi stesse: coltiviamo ogni interesse ci passi per la testa, chiamiamo quell’amica che non sentiamo da un po’, telefoniamo a mammà, insomma facciamo qualcosa, qualsiasi cosa che non sia quella di stare sdraiate sul divano a guardare la TV. E visto che siamo diventate tutte super tecnologiche, aiutiamoci a distrarci con il nostro giochino preferito, che sia Ruzzle o la piacevole lettura dei meravigliosi articoli di Femminilità e Stile… emh… 😛 che ci incolleranno al pc o al telefonino, evitandoci di pensare alle fette biscottate con la Nutella.

Provare per credere, soprattutto la seconda opzione di svago proposta (si scherza naturalmente!)


Buona remise en forme!

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO