Make up tutorial: come truccare gli occhi tondi

0
1144

NEYTNYTN


Hai occhi grandi e tondi? Segui i consigli per valorizzarli con il make up


Una donna su due non è mai contenta del proprio aspetto. Il discorso vale anche, anzi soprattutto, per il viso e tutto ciò che riguarda il suo make up: chi ha splendidi occhi a mandorla desidererebbe occhi grandi e da cerbiatta, chi ha due occhioni innocenti da Biancaneve, desidera invece uno sguardo magnetico e sensuale.

Parliamo oggi del modo migliore per truccare gli occhi tondi per sfruttare al meglio le loro potenzialità, possibilmente utilizzando qualche piccolo segreto per farli sembrare più allungati.

Spesso chi ha gli occhi tondeggianti li ha anche molto grandi, anche se però (rovescio della medaglia) possono essere un po’ sporgenti e difficili da truccare, perché quando eccediamo un po’ col correttore o utilizziamo una tonalità troppo chiara, questo difettuccio si accentua ulteriormente.

Non è il caso di perdersi d’animo però, chi ha occhi rotondi spesso ha uno sguardo vispo e solare, oltre ad avere un’iride molto grande, il che lascia spazio a sensuali giochi di colori con ombretti e matite.

Ma vediamo nel particolare il trucco per occhi tondeggianti.


Base 


KUDUYKDYUK

Correttore, fondotinta e cipria vanno scelti con cura per il make up di chi ha gli occhi tondi.

Il correttore per le occhiaie non deve mai essere troppo chiaro perché si accentuerebbe la tipica sporgenza dell’occhio tondo.

Scegliamo quindi con cura la nostra base trucco in modo da portare l’attenzione sugli zigomi con un blush in polvere e catturare l’attenzione nella parte centrale del viso, in modo che i lati degli occhi sembrino un po’ meno protagonisti e quindi più affusolati.

La grandezza dell’iride ci aiuterà mettendo in risalto il colore dei nostri occhi. 


PER UN MAKE UP SOFISTICATO


sporge

 

Matita per definire

Nel caso di occhi tondeggianti, definirne bene i contorni è fondamentale: la matita nera è il nostro vero asso nella manica se desideriamo dare ai nostri occhi una parvenza più affusolata.

Innanzitutto stendiamo un tratto di matita nera sulla linea ciliare della palpebra sfumandola verso l’interno per tutta la sua lunghezza. Per aumentare ulteriormente la definizione sfumiamo su entrambi i lati con ombretto nero o fumo, lasciando la parte centrale non colorata: questo piccolo trucchetto farà apparire gli occhi più lunghi e affusolati.

Per amplificare ancora la definizione possiamo allungare leggermente il tratto della matita scura nella parte esterna dell’occhio, insistendo verso l’alto in modo da creare un effetto “occhi di gatto”.


Ombretto


IO8O8

Per mascherare l’effetto tondeggiante possiamo poi creare una zona d’ombra in corrispondenza della piega dell’occhio con l’aiuto di un ombretto viola, rigorosamente mat, da applicare prima definendo la piega dell’occhio e poi sfumando verso gli angoli e verso il tratto della matita, in modo da mescolare i due colori, lasciando sempre però la parte centrale della palpebra poco colorata.

Sui due angoli dell’occhio è perfetto un ombretto grigio non troppo scuro, da sfumare con un pennello tondo dal tratto morbido, in modo che possa fondersi perfettamente con il viola già applicato.

 


E PER UN EVERY-DAY LOOK


TAYRJTRJ

Per il lavoro o il look giorno un trucco troppo elaborato non è mai consigliabile: ottimi sono gli ombretti chiari in tutti i toni del beige e del tortora; attenzione solo a non dimenticare mai la matita nera che definisce e crea continuità.

Per sfumare la matita è sempre raccomandabile una tonalità scura, ottimi per il giorno il marrone, il grigio scuro o il prugna (a seconda del nostro outfit),  sulla parte centrale della palpebra mobile fino all’arcata sopraccigliare invece potremo procedere con una tonalità chiara seguendo gli accoppiamenti cromatici standard (marrone/beige, prugna/pesca e grigio scuro/tortora) .

Piccola tip: se abbiamo gli occhi piuttosto piccoli, meglio evitare matite scure sulla parte inferiore dell’occhio, sostituendo queste con un tratto chiaro in modo da amplificare visivamente la grandezza dell’iride.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO