L’arte femminile del multitasking

0
294

uno

Troppe cose da fare? Non allarmarti…sei una donna!!

Da piccole ci hanno cresciuto con l’idea che un giorno saremmo state fantastiche donne in carriera, con famiglia, figli e un lavoro pieno di soddisfazioni. Nella stragrande maggioranza dei casi è esattamente ciò che siamo riuscite a conquistare con studio, duro lavoro e tanto amore, anche se la vita di una donna adulta ha una sola, gigantesca, controindicazione:

gli impegni non finiscono mai!

Sempre di corsa, al mattino per portare i bambini a scuola e correre al lavoro, una capatina al volo in profumeria durante la pausa pranzo mentre addentiamo un panino e poi… corriamo a casa senza dimenticare di far la spesa nel tragitto.

arrivate finalmente tra le mura domestiche, ma il relax è più che mai una chimera. Tutte sappiamo che il rientro altro non significa che una montagna di cose da fare tra bucato, piatti da lavare, cucinare e così via.

A volte arrivano periodi in cui sembra che proprio non ce la si possa fare: scadenze importanti al lavoro, impegni scolastici dei bimbi e faccende domestiche, l’elenco di impegni sembra infinito ed avvilirsi è facile.

hyQuel momento particolare in cui ci sembra vada tutto male, ci sentiamo con le batterie scariche e con i nervi a fiori di pelle, quella sensazione di non riuscire mai a portare a termine tutti i nostri impegni e quel sentimento di ansia e smarrimento che deriva dal non riuscire ad ottemperare i compiti necessari: tutte ci siamo passate, alcune di noi hanno addirittura l’impressione di vivere in questo stato di ansia perenne. In gergo psicologico il termine burnout indica questo stato di affaticamento generale unito all’ansia da prestazione sempiterna e alla sensazione di non riuscire mai a fare nulla.

Non è raro che una situazione di tale esaurimento energetico e spirituale, porti a episodi sporadici di attacchi di panico o crisi di pianto improvvise.

Ma perché arrivare a tanto?

hgjjgjfIn realtà basta davvero poco per evitarci questi sovraccarichi di impegni e glissare completamente lo stato d’ansia che ne deriva.  E quindi

ORGANIZZIAMOCI


Ordine di importanza


Se gli impegni sono tantissimi e il tempo relativamente poco, è inutile cercare di fare tutto e di corsa, si finirebbe inevitabilmente per fare poco e male a causa della fretta.

Meglio stilare una lista delle cose da fare la sera prima, lasciando magari una postilla per le faccende non esattamente importanti che eventualmente potremmo rimandare se non abbiamo il tempo di farle subito.

In questo modo non ci cadrà il mondo addosso se tardiamo a causa del traffico o dimentichiamo di portare il cappotto in tintoria.


Pulizia si, ma di idee!


uftuftutufA volte tendiamo a sentirci sopraffatte dagli eventi e ci sembra di non riuscire mai a fare tutto ciò che vorremmo: ciò succede non tanto perché siamo improduttive (anzi!!!) ma perché perdendo il controllo di ciò che facciamo o non facciamo, agendo spesso precipitosamente, non ci accorgiamo della nostra grande versatilità.

Tenere una lista quotidiana di impegni in un’agendina o in una nota memorizzata sul telefonino e cancellare man mano gli impegni ottemperati aiuterà tantissimo a comprendere appieno la nostra effettiva produttività e a fine serata ci farà sentire orgogliose di tutto ciò che abbiamo portato a termine in un solo giorno.

In questo clima accettare di non essere riuscite ad arrivare in fondo alla nostra lista sarà più semplice in virtù dei risultati ottenuti.


Un premio ogni tanto


Rincorrere continuamente i nostri impegni può sembrarci un’impresa davvero infinita: quante volte arrivate a fine settimana, ci sentiamo appena a metà degli impegni che vorremmo aver invece esaurito? A lungo andare un atteggiamento negativo può portare all’esaurimento nervoso.

Concedersi un piccolo piacere ogni tanto come premio per la nostra produttività porterà ad una sferzata di ottimismo e sarà una vera e propria linfa per la nostra autostima: una nuova crema viso, una romantica serata imprevista, un appuntamento dalla manicure o anche solo una coppa gelato in una giornata di sole.

Non importa la natura del nostro piccolo piacere, basta un regalo per sè ogni tanto e ci sentiremo più felici e serene e affrontare la nuova settimana sarà un’impresa meno dura e più piacevole.


Aiutati, ma fatti aiutare!


tyfty

Noi donne abbiamo un po’ un atteggiamento tautologico riguardo agli impegni, soprattutto casalinghi: se è vero che “Se vuoi una cosa fatta bene devi farla da solo” è anche vero che quattro mani lavorano meglio di due.

Vietato fare con marito e figli il ragionamento “Faccio prima a farlo io che a insegnartelo”!!! Spendere cinque minuti in più per mostrare ai figli più grandi come usare un’aspirapolvere o insegnare al maritino a stirare le camicie, significa investire tempo ed energie per la nostra serenità e l’ordine in casa.

All’inizio sarà un po’ difficile lasciar fare ai nostri cari i compiti di casa, ma col passare del tempo scopriremo che la collaborazione è un modo intelligente per gestire la casa e per rinsaldare i rapporti famigliari.

E se dimentichiamo tutto?

forget

La confusione e la fretta sono cattivissime consigliere e non è raro tendere a dimenticare impegni e oggetti in giro per casa e ufficio se siamo sempre di corsa.

Un’ottima idea è settare la sveglia del cellulare negli orari in cui sappiamo di dover ricordare qualcosa o aiutarci con piccoli oggetti reminder in giro per casa.

Un’idea sfiziosissima: reminder bag appesa al pomello della porta di casa, per non dimenticare chiavi, cellulare e oggetti indispensabili per affrontare la giornata.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO